Regione Lazio – Contributi allo spettacolo dal vivo

Nome dell’Avviso e Programma di provenienza:

AVVISO: Regolamento 5 agosto 2019, n. 16 Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per la partecipazione, l’assegnazione, l’erogazione, il monitoraggio e la rendicontazione in materia di contributi allo spettacolo dal vivo, ai sensi dell’articolo 15, comma 2, della legge regionale 29 dicembre 2014, n. 15 e successive modifiche.

Avviso pubblico per la presentazione delle istanze finalizzate all’assegnazione di contributi allo spettacolo dal vivo per l’annualità 2023, ai sensi del R.R. n. 16/2019

Programma: Regione Lazio

 

Tipologia di Richiedenti/ Beneficiari:

Possono beneficiare dei contributi di cui al presente regolamento i soggetti giuridici privati costituiti ed operanti nel settore dello spettacolo dal vivo da almeno due anni, in possesso, al momento della presentazione e fino all’erogazione del saldo del contributo, dei requisiti soggettivi generali previsti dal regolamento e degli eventuali ulteriori requisiti specifici soggettivi previsti per ciascun tipo di progetto.

Possono, inoltre, beneficiare dei contributi di cui al presente regolamento gli enti locali e altri enti pubblici in possesso dei requisiti specifici eventualmente richiesti per ciascun tipo di progetto.

Centri di produzione: Possono beneficiare del contributo i soggetti che sono centri di produzione intesi quali organismi che svolgono attività di produzione e di esercizio nell’ambito del teatro e della danza. Detti centri possono prevedere anche attività di musica o multidisciplinari.

Festival circensi: Possono beneficiare del contributo i soggetti:
che abbiano maturato un’esperienza nel settore di almeno 2 anni continuativi;
che siano in possesso della licenza di cui all’articolo n. 69 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con Regio decreto 18 giugno 1931, n. 773;
che siano in possesso di una struttura o tendone con una o più piste;
che abbiano effettuato nell’ultimo anno almeno 400 giornate lavorative l’anno;
che abbiano effettuato nell’ultimo anno almeno 50 rappresentazioni l’anno di cui almeno il 30 per cento sul territorio regionale.

Festival degli artisti di strada: Possono beneficiare del contributo gli enti locali organizzatori, in forma singola o associata.

Circuiti regionali: Possono beneficiare del contributo enti locali organizzati in forma associata di numero non inferiore a dodici di cui almeno nove dotati di teatri muniti di idonee autorizzazioni non gestiti dai soggetti di cui all’articolo 7 della l.r. n. 15/2014. Ai fini del raggiungimento del numero minimo indicato sono presi in considerazione anche i Municipi di Roma Capitale, entro il limite di 4 unità.

Orchestre ed ansemble musicali: Possono beneficiare del contributo gli ensemble musicali formati da almeno dieci elementi oltre il direttore e le orchestre, costituiti in qualsiasi forma giuridica.

Progetti per favorire l’accesso ai giovani allo spettacolo dal vivo in collaborazione con le istituzioni scolastiche: Possono beneficiare del contributo istituzioni scolastiche, università e istituzioni dell’alta formazione artistica, teatrale, musicale e coreutica, riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e da enti e associazioni, purché anch’essi riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ai fini del rilascio dei titoli di alta formazione musicale o coreutica.

 

Data di apertura/ scadenza della presentazione della domanda:

Data di apertura: 15/09/2022

Data di chiusura: 31/10/2022 (ore 18)

Valore Progettuale Minimo e massimo:

Non indicati

Percentuale di cofinanziamento:

80% delle spese ammissibili

Limiti inferiore e superiore di Cofinanziamento: 

L’ammontare del contributo regionale concesso ai sensi del presente regolamento per ciascun intervento non può essere superiore alla differenza fra il totale delle spese ammissibili ed il totale delle entrate relative alla realizzazione delle attività previste nel progetto al netto del contributo regionale.

Per i centri di produzione: euro 30.000,00 o euro 50.000,00

 

Descrizione Sintetica:

Il presente regolamento, adottato ai sensi dell’articolo 15 comma 2 della legge regionale 29 dicembre 2014, n. 15 “Sistema cultura Lazio: Disposizioni in materia di spettacolo dal vivo e di promozione culturale” e successive modifiche, disciplina i criteri e le modalità di partecipazione, assegnazione ed erogazione dei contributi, nonché le procedure per il monitoraggio e la rendicontazione, anche in attuazione di quanto disposto dall’articolo 51 dello Statuto e dall’articolo 12 della legge 7 agosto 1990, n. 241 “Nuove norme sul procedimento amministrativo” e successive modifiche, al fine di assicurare equità e trasparenza all’azione amministrativa, nonché il miglior impiego delle risorse destinate al conseguimento di utilità sociali.

La Regione, al fine di garantire un’equilibrata e qualificata distribuzione dell’offerta culturale di spettacolo dal vivo nell’ambito del territorio regionale, sostiene, in particolare, i seguenti interventi:

  1. a) le attività di produzione comprendenti:

1) progetti annuali di produzione di spettacolo dal vivo in tutte le sue forme;

2) progetti triennali dei centri di produzione;

  1. b) lo sviluppo di festival e rassegne di spettacolo dal vivo comprendenti:

1) progetti triennali di attività di teatro, musica, danza e a carattere multidisciplinare;

2) progetti triennali di attività circensi e degli artisti di strada;

  1. c) il sostegno allo spettacolo dal vivo mediante:

1) progetti annuali di sviluppo di circuiti regionali, attraverso reti tra enti locali, inclusa Roma Capitale, per la diffusione sul territorio regionale dell’offerta di spettacolo dal vivo;

2) progetti annuali relativi alla realizzazione di ensemble musicali ed orchestre, in particolare giovanili, in qualsiasi forma giuridica costituite;

  1. d) le attività che favoriscono la formazione, l’educazione e la partecipazione del pubblico mediante:

1) progetti annuali svolti in collaborazione con le istituzioni scolastiche, le università e le istituzioni dell’alta formazione artistica, teatrale, musicale e coreutica, riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e con gli enti e le associazioni, purché anch’essi riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca;

2) progetti annuali di educazione e formazione musicale, teatrale e coreutica;

3) progetti triennali per lo sviluppo del teatro di figura e iniziative di spettacolo dal vivo destinate ai bambini e all’infanzia.

Sono espressamente esclusi i progetti che realizzano iniziative di spettacolo dal vivo all’interno di sagre, fiere, mostre e manifestazioni di carattere politico, partitico, sindacale, religioso, o di carattere tradizionale e folklorico così come definite negli articoli 9 e 11 della l.r. 15/2014.

Non è ammissibile, pena la decadenza dal contributo di cui al presente regolamento, percepire ulteriori contributi e/o finanziamenti a qualsiasi titolo erogati dalla Regione per la realizzazione delle medesime attività del progetto proposto. Il beneficiario è tenuto ad optare per uno tra i due contributi concessi, dandone comunicazione entro dieci giorni dall’avvenuta conoscenza dell’attribuzione dell’ulteriore contributo alla Direzione regionale competente. La mancata comunicazione equivale alla rinuncia al contributo concesso ai sensi del presente regolamento.

 

Area di Cooperazione:

Regione Lazio

Partenariato:

I soggetti proponenti possono presentare istanza di contributo in forma singola o come raggruppamento.

Nel caso di presentazione di istanza in forma di raggruppamento i soggetti aggregati devono conferire ad uno degli aggregati, che assume la qualifica di soggetto mandatario e capofila, un mandato collettivo speciale con rappresentanza, designandolo quale soggetto beneficiario gestore del contributo e dei rapporti con la Regione Lazio.

Nel caso di presentazione di istanza in forma di raggruppamento comprendente soggetti privati, il requisito minimo biennale di esperienza nel settore deve essere posseduto almeno dal soggetto capofila fermi restando il possesso del requisito dell’operatività nel settore dello spettacolo dal vivo, dei requisiti soggettivi generali e degli ulteriori requisiti indicati per tutti i soggetti privati che costituiscono il raggruppamento.

Tipo di Finanziamento:

Contributo a fondo perduto

Risorse complessive:

Gli interventi sono finanziati con il Fondo Unico per lo Spettacolo dal Vivo di cui all’articolo 23 della l.r. 15/2014.

Al riparto del suddetto Fondo si provvede con il programma operativo annuale previsto dall’articolo 14 della l.r. 15/2014, nel rispetto delle disposizioni del documento d’indirizzo regionale per lo spettacolo dal vivo e per la promozione delle attività culturali previsto dall’articolo 13 della stessa legge regionale.

Le risorse effettivamente disponibili per le due annualità successive alla prima, relative ai progetti triennali, sono subordinate all’approvazione delle rispettive leggi regionali di bilancio e dei documenti di programmazione previsti dagli articoli 13 e 14 della l.r. n. 15/2014, nel rispetto delle disposizioni in materia di contabilità previste dal decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) e successive modifiche.

 

Link Bando:

Avviso: https://www.regione.lazio.it/sites/default/files/documentazione/CUL_REG_16_05_08_2019.pdf

https://www.regione.lazio.it/sites/default/files/documentazione/CUL_DD_G11576_03_09_2022_Allegato_1.pdf

Programma: https://www.regione.lazio.it/documenti/78136

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *